Inclusione, moda o necessità?